Rassegna di Cinema Sangano: i vincitori

Sabato sera nella serata finale della Rassegna del “Cinematografo International Film” c’è stata la premiazione dei vincitori. Al primo posto vorrei inserire i ragazzi del Liceo Vito Scafidi che quest’anno ci hanno letteralmente “meravigliato”.

“La rassegna di cinema di Sangano ha offerto, ai ragazzi che volontariamente hanno aderito come progetto di alternanza scuola lavoro, un’opportunità unica di partecipare attivamente e di vedere film fuori dal solito circuito. Film che pongono domande, che lanciano sfide,  che i ragazzi hanno colto con grande profondità , riflettendo sugli argomenti posti dai film con serietà, intelligenza e creatività” (Marta Valls – insegnante Liceo Vito Scafidi)

Baudena visibilmente soddisfatto del risultato raggiunto per questo progetto a cui si dedica con passione, ha ringraziato i presenti per la partecipazione e l’Amministrazione presente per il suo importante contributo.

La giuria di Sangano, composta da 4 sanganesi e dai ragazzi del Liceo, hanno premiato la diversità, l’ecologia perchè giovani e “diversamente giovani” hanno sempre più a cuore quei valori che dovrebbero far parte naturalmente dell’umanità.

  • Miglior Corto di Animazione: CUERDAS di Pedro Solis Garcia (SPAGNA).
  • Miglior corto realizzato dagli Istituti Scolastici: DIVERSI O NO, MAI PERFETTI della classe 5B dell’Istituto Comprensivo “Aldo Moro” Abbiategrasso (MI). (ITALIA).
  • Miglior corto Documentario: LA FIEBRE DEL ORO di Raul De La Fuente (MOZAMBICO).
  • Miglior corto di finzione: FOR THE GOOD TIMES di Andres Daniel Sainz (SPAGNA).
  • Miglior Lungometraggio documentario: THE WELL-VOCI D’ACQUA DALL’ETIOPIA di Riccardo Russo e Paolo Barbieri (ETIOPIA-ITALIA).
  • Miglior lungometraggio: MOUSSE di John Hellberg (SVEZIA).
  • Premio Speciale “IL CINEMATOGRAFO”: IL DOTTORE DEI PESCI di Susanna Della Sala. (ITALIA).
  • Premio Speciale “OLMO” per il miglior film sulla sostenibilità ambientale: LA FIEBRE DEL ORO di Manuel De La Fuente (MOZAMBICO).
  • Premio Speciale”NAZARENO STRAMPELLI” per il miglior film sul mondo rurale: PAESAGGI DI MARCITA di Marco Tessaro (ITALIA).
WhatsApp Image 2018-10-01 at 09.36.39.jpeg
La consegna del premio ai rappresentanti dell’Associazione LVIA

Speriamo che questo importante progetto continui a essere ospitato a Sangano perchè qualsiasi forma di comunicazione indipendente preserva la Verità.

Grazie al Regista Baudena, grazie ai ragazzi (non perdetevi le loro importanti riflessioni), grazie all’Amministrazione e ai volontari che hanno reso possibile la realizzazione di queste serate.

Giuseppina Bruno

 

Pubblicità

Il karma dell’Africa

La stampa non vuole informare il lettore, ma convincerlo che lo sta informando.
(Nicolás Gómez Dávila)

La terza serata della Rassegna del Cinema internazionale di Sangano è stata la più intensa. I film selezionati dal Regista Baudena sono vibranti di emozioni, verità, visione.

Alla fine della serata, Baudena ci ha raccontato come molti Autori cerchino attraverso questi capolavori di informare il pubblico dei drammi che sconvolgono gli equilibri di questo pianeta, denunciando quei problemi che tutti conosciamo. I temi affrontati dai film della Rassegna sono l’ecologia, la biodiversità, la diseguaglianza: cosa sappiamo concretamente di tutto questo?

Comodi nell’opulenza della nostra società occidentale, preoccupati di quello che ha detto il nostro vicino o di come si veste la nostra collega, non riusciamo a cogliere il punto fondamentale della triste vicenda umana di questi tempi. Non basta donare un euro a richiesta dalle enne associazioni per le ‘buone cause’, non basta rammaricarci di quei poveri rifugiati a cui però nessuno rivolge neppure una parola (!), non basta andare in Africa a costruire pozzi. Forse il messaggio più importante è cogliere che è il nostro sistema occidentale che ammala il mondo, privandolo della sua ricchezza e della sua bellezza. Siamo talmente nutriti di cose inutili da perdere il senso della Realtà, troppo lavorati dai compromessi e iconizzati come santi dai social media.

Quanto peserà questa nostra (ir)responsabilità sulle future generazioni? Abbiamo derubato il continente più grande e ricco del nostro pianeta. Abbiamo schiavizzato quei popoli per centinaia di anni, monopolizzato la loro libertà, utilizzato il senso di colpa di brave persone per derubarle di quei centesimi che sono finiti nelle tasche di persone senza scrupoli, al punto di arrivare al traffico degli organi per prolungare la nostra miserabile vita. Siamo tanto diversi dai coloni che portavano gli schiavi nelle piantagioni? Cosa abbiamo davvero capito della Storia, del nostro passato?

I film di Autori indipendenti, l’informazione libera, ogni comunicazione privata da quello che viene definito mainstream (convenzionale, socialmente adeguata) hanno la forza e il coraggio di manifestare la realtà, scuotere le coscienze, cambiare.

Prima delle risposte, sono le domande che occorre cercare dentro di noi, impulso vitale di ogni azione. E’ questo che auguro ai giovani, da sempre la speranza di ogni futuro possibile.

Giuseppina Bruno

Vi aspettiamo stasera per la quarta serata della Rassegna con gli ultimi film in programma. In Agorà, piazza Matta a Sangano alle ore 21.00. Entrata libera.