Dalla cena al Festival d’Estate

Anche quest’anno il Comitato Festeggiamenti in collaborazione con il Comune di Buttigliera Alta, aprirà il Festival dell’Estate con la “cena il giallo”. L’evento ricalca la più frequente “cena in bianco”, un format di “unconventional dinner” nato a Torino nel 2012 dove i partecipanti devono seguire alcune regole: segui il bianco e niente plastica.

WhatsApp-Image-20160524.jpg

Perchè a Buttigliera Alta la cena è in “giallo”? Per una questione di diritti e autorizzazioni (troverete tutte le informazioni utili sul sito) ma la scelta di questo colore non ha nessuna assonanza o attinenza con trame poliziesche e delitti, ma con musica, intrattenimento per grandi e bambini, con la predisposizione di sedie e tavoli per i partecipanti.  Anche quest’anno sono stati raggiunti numeri importanti: oltre 200 persone parteciperanno all’evento che ha ispirato altre amministrazioni locali a seguire l’esempio. Un successo che premia il lavoro degli organizzatori e che festeggia l’inizio dell’estate con tutti i partecipanti. Che sia bianca, gialla, rossa o blu, queste cene per strada dove ognuno porta qualcosa ricordano un po’ le vecchie feste di paese, quando l’unica scusa era quella di stare insieme e passare un momento di festa. Sarà ancora questo il motivo di tanta partecipazione?

Alleghiamo il volantino delle giornate del Festival augurando a tutti i lettori una buona e felice Estate.

Giuseppina Bruno

65741610_891219464558794_4584833281597374464_n

La salute a scuola

Un’abitudine molto interessante che si sta sviluppando in alcuni Comuni è l’accompagnamento dei bambini a scuola tramite una sorta di “gruppo di cammino” mattutino che fa bene ai bambini e aiuta le famiglie. Così leggo nel comunicato stampa del Comune di Buttigliera Alta, insieme alla notizia che quest’anno oltre al venerdì il piedibus si effettuerà anche il mercoledi. Mi piace quest’iniziativa perchè è molto fisicamente social e insegna una lezione importante ai bambini e agli adulti.

Avevo già parlato di piedibus  qualche tempo fa  ricordando come queste semplici abitudini preservino la salute mentale e fisica dei bambini ma anche del territorio che si vive, per amarlo, per curarlo con la propria presenza.

Oggi si parla molto di salute ma siamo certi di conoscere il significato di questa parola? Stamattina mentre guardavo i ragazzini carichi di libri alla fermata dell’autobus qualche sospetto mi è venuto ma poi una ragazza ha attraversato la strada cancellando ogni dubbio: aveva il trolley.

Giuseppina Bruno

 

“Nonni vigili”

logo_Piedibus

Le scuole sono terminate e i cd. “nonni vigili” possono andare in vacanza. Tutte le famiglie ringraziano i volontari per la viabilità scolastica.

Negli ultimi anni il volontariato ha assunto un ruolo sempre più importante soprattutto riguardo quei servizi che senza aiuto dei cittadini non potrebbero essere forniti. Questo riguarda la messa in sicurezza del territorio, per vivere con più libertà, appropriandosi di quelle risorse e di quella familiarità che lega le persone alla terra e che è in grado di trasmettere principi sani di “salute” e di “socialità”. Tra questi servizi il piedibus, progetto nato in Australia nel 1992 dalla mente dell’ambientalista David Engwicht, è sicuramente il più interessante sotto molteplici punti di vista.

Bruino ha molti volontari, tra cui alcune mamme, per la viabilità scolastica e il servizio piedibus, attivo da ormai 5 anni, con a carico una sessantina di bambini che, con pioggia, vento, sole, neve, muniti di una pettorina gialla, vanno a scuola usando i piedi e promuovendo salute ed ecologia. Vorremmo il piedibus in ogni paese della nostra Valle! ma non è facile far partire questi servizi. A Buttigliera Alta ci sono riusciti nell’anno scolastico appena trascorso, con grande divertimento dei bambini, che arrivano a scuola sicuramente più sereni e meno stressati. Speriamo che anche Sangano possa avere risorse e volontari per poter implementare la viabilità con il servizio di piedibus che aiuta i bambini a diventare più indipendenti, responsabili, “sociali”, la viabilità soprattutto quando i parcheggi non sono molto ampi, l’ambiente per la riduzione del traffico in paesi che sono nati per essere abitati e vissuti, non usati.

Rivolgetevi presso i Comuni per dare adesioni al servizio di volontariato (coperti da assicurazione infortuni) o per chiedere informazioni e funzionamento perchè, “quando il cittadino è passivo è la democrazia che s’ammala” (Visconte Alexis de Tocqueville).

Giuseppina Bruno

Promossi per la salute!

E’ terminato l’anno scolastico per quasi tutti i bambini.

Quando eravamo piccoli noi, di un’altra generazione, la fine della scuola ti avvicinava alla vita familiare e al quartiere. Oggi i quartieri sono globalizzati e virtualizzati, il vicinato non sempre si conosce o si apprezza. E’ meglio raggruppare i ragazzi in ambienti sicuri dove le abitudini familiari sono condivise tra chi fa e chi non fa. E’ un problema di cui ci rendiamo tutti conto.

Da qualche anno, la Scuola insieme ai Comuni, organizzano delle feste di fine anno scolastico in maniera più o meno differente. Tradizionale è il momento ludico, di spettacolo, di cena o merenda condivisa. In questo insieme di eventi, due Comuni ci hanno colpito per le loro iniziative: Bruino e Buttigliera Alta.

18953453_373065913090586_3103107581707230376_o

A Bruino, ultimo giorno di Scuola “in bicicletta” con il Sindaco, gli Assessori, Vigili, Croce Rossa, attraverso percorsi che hanno guidato i ragazzi sulle piste ciclabili, con soste nei parchi per due punti merenda organizzati con l’Auser e la Fidas. Promuovere la sicurezza dei percorsi ciclo pedonali insegna ai ragazzi a vivere un’estate in movimento attraverso il proprio territorio dove sono presenti risorse e amici a portata di ruota e allontanarli dai contenuti a portata di click!

2017-06-10 10.34.46A Buttigliera Alta, rivolto ai bambini più piccoli, all’interno della manifestazione “Il salottino del libro” rivolto agli scrittori emergenti, un appuntamento per rinnovare l’invito alla lettura e alla cultura, attraverso  la presentazione del libro della Scuola “Caduti in Guerra”, una dimostrazione della scuola di musica con i giovanissimi musicisti (metodo suzuki), la lettura di favole e la partecipazione a tanti laboratori che hanno avuto un grande successo tra i bambini. Perchè la lettura stimola prima di tutto un fare, non dovremmo mai dimenticarlo.

Buona estate a tutti gli studenti!

Giuseppina Bruno

Una serata per riflettere

Parlare della donazione degli organi è importante per riflettere. Il Comune di Buttigliera Alta giovedi 25 marzo alle 21,00 presso la sala consiliare (Via Reano 3) invita tutti i cittadini a una serata “di straordinario atto di solidarietà e altruismo”.

Ci saranno molti interventi di promozione che seguono la politica già attuata mesi fa con la scelta che ogni cittadino potrà fare in sede di rinnovo della carta di identità, ma forse l’aspetto più importante, che ci ha colpito, è la testimonianza di persone trapiantate e di donatori, con le loro storie, racconti che emozioneranno e che porteranno a riflettere prima di tutto.

E’ sempre difficile comprendere quale sia la scelta giusta quando siamo distaccati dalla perdita di qualcuno per noi caro, soprattutto quando dipende dagli altri. I progressi della medicina non sempre sono positivi ma nella donazione degli organi c’è una consapevolezza e un’empatia che sono quasi eroici ma anche pieni di responsabilità verso l’impegno della propria esistenza ritrovata in un progetto che nasce e continua per il bene di tutti.

Ci presenta questa serata il Sindaco Alfredo Cimarella.